Preoccupazione sulle conseguenze di una ripresa non sistemicamente ragionata

Torna a Risorse

Quali effetti possono avere l’isolamento e il distanziamento sociale sulla nostra salute?

Mai prima d’ora abbiamo sperimentato l’isolamento sociale su vasta scala come abbiamo fatto durante la pandemia COVID-19. Un articolo su Trends in Cognitive Sciences esplora le conseguenze negative di ampia portata che l’isolamento sociale ha sul nostro benessere psicologico e sulla nostra salute fisica, inclusa la riduzione della durata della vita. Il documento è stato scritto dal professore associato Danilo Bzdok (McGill University e Mila Quebec Artificial Intelligence Institute) e dal professore emerito Robin Dunbar (Università di Oxford).
Attraverso l’esame di una vasta gamma di studi, è emerso un quadro completo del grave impatto che la solitudine può innescare. Gli elementi emersi:
avere forti relazioni interpersonali è fondamentale per la sopravvivenza in tutte le età della vita;
– l’isolamento sociale è un fattore predittivo significativo del rischio di morte;
– un’insufficiente stimolazione sociale influenza il ragionamento e le prestazioni della memoria, l’omeostasi ormonale, la connettività e la funzione della sostanza grigia e bianca del cervello nonché la resilienza alle malattie fisiche e mentali;
– i sentimenti di solitudine possono diffondersi attraverso una rete sociale, causando una percezione sociale distorta, aumentando la morbilità e la mortalità e, nelle persone anziane, accelerando l’insorgenza di demenza come il morbo di Alzheimer.
La solitudine danneggia direttamente il sistema immunitario, rendendoci meno resistenti a malattie e infezioni. In effetti, sentirsi soli e avere pochi amici può provocare una difesa immunitaria particolarmente scarsa. Le persone che sono più socialmente integrate, al contrario, hanno biomarcatori meglio adattati per la funzione fisiologica, tra cui una pressione sanguigna sistolica più bassa, un indice di massa corporea inferiore e livelli più bassi di proteina C reattiva (un’altra risposta molecolare all’infiammazione).
Gli esseri umani sono intensamente sociali e traggono beneficio psicologicamente e fisicamente dall’interazione sociale. Più siamo saldamente integrati ad una rete di amici, ad esempio, meno probabilità abbiamo di ammalarci e più alti sono i nostri tassi di sopravvivenza. È stato scoperto che le persone che appartengono a più gruppi, come società sportive, chiese, gruppi di hobby, riducono il rischio di depressione futura di quasi il 25%.
Il Professore associato Dipartimento di Ingegneria biomedica presso la McGill University e in Canada, ha dichiarato: “Siamo creature sociali. L’interazione sociale e la cooperazione hanno alimentato la rapida ascesa della cultura umana e della civiltà. Tuttavia, le specie sociali lottano quando sono costrette a vivere in isolamento. Dai bambini agli anziani, l’integrazione psicosociale nelle relazioni interpersonali è fondamentale per la sopravvivenza. Ora è più urgente che mai ridurre il divario di conoscenza di come l’isolamento sociale influisce sul cervello umano e sul benessere mentale e fisico. “

Articolo (in inglese):

Danilo Bzdok, Robin I.M. Dunbar. The Neurobiology of Social Distance. Trends in Cognitive Sciences, 2020; DOI: 10.1016/j.tics.2020.05.016.

Su Cell Press: https://www.cell.com/trends/cognitive-sciences/pdf/S1364-6613(20)30140-6.pdf?_returnURL=https%3A%2F%2Flinkinghub.elsevier.com%2Fretrieve%2Fpii%2FS1364661320301406%3Fshowall%3Dtrue

La gestione della pandemia Covid-19 può causare effetti a lungo termine sulla salute?

Secondo un nuovo studio condotto dalla Yale School of Public Health, l’alterazione della vita causata dalla gestione della pandemia del coronavirus possono provocare conseguenze sulla salute fisica e mentale durature per molte persone, in particolare sulla popolazione più vulnerabile. Sarah Lowe e colleghi hanno studiato donne a basso reddito di New Orleans che sono state intervistate l’anno prima e ad intervalli dopo l’uragano Katrina nel 2005. Le donne hanno riportato una serie di esperienze traumatiche durante il Katrina, molte delle quali sono simili a quelle ora si verificano durante la pandemia.
La ricerca ha mostrato che a 1, 4 e 12 anni dopo l’uragano, le esposizioni più fortemente associate a stress post-traumatico, disagio psicologico, salute generale e sintomi di salute fisica erano quelle più comuni all’attuale pandemia. La pandemia continua a causare morti e malattie diffuse, così come la perdita di posti di lavoro e gravi difficoltà economiche per molti. “È probabile che questa pandemia abbia profonde conseguenze a breve e lungo termine per la salute fisica e mentale”, ha detto Lowe. “È probabile che questi impatti siano persino maggiori di quelli che abbiamo visto in precedenti catastrofi come l’uragano Katrina, date le qualità distintive della pandemia come un disastro”.
I risultati dello studio suggeriscono che, oltre a promuovere azioni per ridurre la trasmissione di COVID-19 e affrontare le disparità di salute di lunga data che contribuiscono alla morbilità e alla mortalità di COVID-19, le misure di sanità pubblica dovrebbero anche prevenire e mitigare le esposizioni che avranno effetti indiretti sulla salute mentale e fisica.
Inoltre, un’altra esposizione chiave nello studio è stata la paura per la propria sicurezza e quella degli altri. Pertanto, la comunicazione sulla salute pubblica dovrebbe fornire suggerimenti per la gestione dell’ansia e della paura, oltre a promuovere gli sforzi per aumentare la sicurezza dalla trasmissione COVID-19.

Articolo (in inglese):

Ethan J. Raker, Meghan Zacher, Sarah R. Lowe. Lessons from Hurricane Katrina for predicting the indirect health consequences of the COVID-19 pandemicProceedings of the National Academy of Sciences, 2020; 202006706 DOI: 10.1073/pnas.2006706117.

Su PNAS (Proceedings of the National Academy of Sciences of the United States of America): https://www.pnas.org/content/117/23/12595


Solitudine: cosa comporta nei bambini e negli adolescenti?

È probabile che i bambini e gli adolescenti sperimentino alti tassi di depressione e ansia molto dopo il termine del lockdown e la fine dell’isolamento sociale, e che i servizi clinici debbano essere preparati per un picco futuro della domanda, secondo gli autori di una nuova revisione sugli effetti sulla salute mentale causati dal lockdwn sul lungo periodo.
La ricerca, che si basa su oltre 60 studi preesistenti e sottoposti a revisione su argomenti riguardanti l’isolamento, la solitudine e la salute mentale per i giovani di età compresa tra 4 e 21 anni, è stata pubblicata sul Journal of American Academy di psichiatria infantile e adolescenziale.
Secondo la revisione, i giovani che hanno sofferto di solitudine potrebbero avere una probabilità tre volte maggiore di sviluppare la depressione in futuro e che l’impatto della solitudine sulla salute mentale potrebbe durare per almeno 9 anni.
Gli studi evidenziano un’associazione tra solitudine e un aumentato rischio di problemi di salute mentale per i giovani. Vi sono anche prove che la durata della solitudine può essere più importante dell’intensità della solitudine nell’aumentare il rischio di depressione futura.
Questo, affermano gli autori, dovrebbe rappresentare un avvertimento per i responsabili politici del previsto aumento della domanda di servizi di salute mentale da parte di giovani e giovani adulti negli anni a venire, sia nel Regno Unito (dove è stata condotta l’analisi) che nel mondo.
La dott.ssa Maria Loades, psicologa clinica del Dipartimento di Psicologia dell’Università di Bath, che ha guidato il lavoro, ha spiegato: “Dalla nostra analisi, è chiaro che ci sono forti associazioni tra solitudine e depressione nei giovani, sia nell’immediato che a lungo termine. Sappiamo che a volte questo effetto può essere ritardato, il che significa che possono essere necessari fino a 10 anni per capire davvero la portata dell’impatto sulla salute mentale che la crisi covid-19 ha creato”.
Aggiunge: “Esistono prove del fatto che è la durata della solitudine in contrapposizione all’intensità che sembra avere il maggiore impatto sui tassi di depressione nei giovani. Ciò significa che tornare a un certo grado di normalità il prima possibile è ovviamente importante. Tuttavia, come viene gestito questo processo è importante quando si tratta di modellare i sentimenti e le esperienze dei giovani su questo periodo”.
Per i nostri più piccoli e il loro ritorno a scuola, dobbiamo dare la priorità all’importanza del gioco nell’aiutarli a riconnettersi con gli amici e adattarsi dopo questo intenso periodo di isolamento.”
I benefici sociali ed emotivi del gioco e dell’interazione con i coetanei devono essere chiaramente comunicati, insieme alla guida sui rischi oggettivi per i bambini.
Riconoscendo i compromessi che devono essere raggiunti in termini di riavvio dell’economia e riduzione delle disparità educative, i membri del team hanno mandato una lettera aperta al Segretario dell’Istruzione, dove riferiscono che: “La cattiva salute emotiva nei bambini porta a problemi di salute mentale a lungo termine, risultati scolastici più scarsi e ha un notevole onere economico “.

Articolo (in inglese): M. Loades et al. Rapid Systematic Review: The impact of social isolation and loneliness on the mental health of children and adolescents in the context of COVID-19. Journal of the American Academy of Child and Adolescent Psychiatry, 2020 DOI: 10.1016/j.jaac.2020.05.009.

Su Journal of the American Academy of Child & Adolescent Psychiatry: https://jaacap.org/article/S0890-8567(20)30337-3/pdf


Quali conseguenze psicologiche comporta l’uso delle mascherine sui bambini? E il distanziamento?

Da un punto di vista psicologico, poter mostrare il proprio volto e poter riconoscere quello degli altri ha un’enorme valenza in ambito comunicativo e, per una mente in crescita, per le possibilità di sviluppo dell’empatia, ovvero della capacità di riconoscere le le emozioni degli altri. La comunicazione non verbale e l’empatia sono i pilastri alla base delle abilità relazionali di ogni età. La medesima cosa vale per la prossimità e la possibilità di entrare in contatto con gli altri attraverso il tatto; la vicinanza e il potersi muovere con fiducia verso l’altro rappresentano infatti una necessità intrinseca alla natura relazionale dell’essere umano. Questo è uno scritto un gruppo di professioniste italiane dell’educazione che seguono e promuovono la pedagogia Steiner Waldorf e che che si prendono cura di bambini in età prescolare; le autrici spiegano quali sono i rischi connessi non solo ad una comunicazione fondata sulla paura, ma anche a quelli relativi all’utilizzo di dispositivi sanitari quali le mascherine e il distanziamento per la popolazione rappresentata dai bambini e dagli adolescenti. I riferimenti bibliografici in calce sono di autorevoli autori dell’abito psico-pedagogico e neuroscientifico.

Fascicolo (in italiano):

“Contributo sul ruolo del volto e della prossimità nella relazione educativa in età prescolare”.

Su Educazione Steiner-Waldrof: http://www.scuolawaldorf.org/su-volto-e-distanza/


Torna a Risorse

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: